https://www.youtube.com/watch?v=Ccr8j3oKu-0&t=1s
 :: E-MAIL :: PASSWORD ::
 Non sei registrato: iscriviti! Hai perso la password: recuperala!

 
Sei Qui: > Home Page > PF News > PF Plus > CULTURA finanziaria, strumento di tutela del risparmio
 
 Condividi: 

video porno italiano una porno site nuovi sesso film italiano.

CULTURA finanziaria, strumento di tutela del risparmio

Educazione finanziaria: il pilastro della corretta consulenza. Tutto questo verr approfondito il 26 settembre da Paola Soccorso (Consob) al PFEXPO di Roma

10/08/2017 Stefania Pescarmona
Consulenza qualificata e investitori consapevoli sono alla base di ogni corretta pianificazione patrimoniale. Ma assistere finanziariamente in maniera efficace un cliente richiede, oltre a un’approfondita preparazione personale, anche la volontà e la capacità di trasmettere cultura finanziaria, nell'ottica di creare un dialogo sempre più proattivo tra le parti in causa.
 
Tutto questo verrà approfondito da Paola Soccorso, funzionario dell’Ufficio studi economici della Consob, il 26 settembre al PFEXPO di Roma, all'interno della tavola rotonda “Educazione finanziaria: il pilastro della corretta consulenza”, in sala Investimenti, al Centro Congressi Roma Eventi - Fontana Trevi, dalle 16.30 alle 18.30. (clicca qui per iscriverti all'evento).
 
Il quell’occasione verranno ripresi taluni temi sviluppati nel Rapporto sulle scelte di investimento delle famiglie italiane. Il Rapporto annuale della Consob traccia, infatti, una ricognizione di attitudini e comportamenti di un campione rappresentativo di decisori finanziari  e si propone di affinare la rilevazione delle caratteristiche e dei comportamenti degli investitori italiani al fine di potenziare l’efficacia delle misure di policy.  Tra i fattori che incidono sulle scelte di investimento, in particolare, sono state raccolte evidenze in merito alle conoscenze finanziarie delle famiglie italiane

Ecco un’anteprima del discorso che Soccorso farà al PFEXPO di Roma
.
 
In linea con altre rilevazioni domestiche e internazionali (Klapper et al., 2015), le conoscenze finanziarie degli italiani appaiono inadeguate rispetto alla complessità delle scelte economico-finanziarie che essi quotidianamente sono chiamati a compiere . Alcune nozioni di base, quali l’inflazione e il rapporto fra rischio e rendimento, sono note a poco più del 40% degli individui inclusi nel campione di ricerca. Nel momento in cui si verifica la comprensione di concetti più sofisticati riguardanti le caratteristiche dei prodotti più diffusi, inoltre, la percentuale di soggetti che risponde correttamente arriva a sfiorare il 10 per cento (Figura 1). Più del 20% degli intervistati dichiara di non avere familiarità con alcuno strumento finanziario, mentre il restante 80% indica più frequentemente i titoli del debito pubblico e le obbligazioni bancarie, seguiti da azioni quotate e fondi azionari (Figura 2)


 
 

 
Gran parte degli investitori, infine, mostra di non avere piena consapevolezza dei passaggi fondamentali del percorso dell’investimento finanziario (orizzonte temporale, obiettivi, aspettative di guadagno e capacità economica di assumere rischi; Figura 3), né dell’importanza dello scambio informativo con il professionista ai fini della profilatura del cliente e della valutazione dell’adeguatezza degli strumenti finanziari raccomandati (Figura 4). 
 

 



 

 
La consulenza resa nel miglior interesse del cliente potrebbe contribuire a elevare le competenze degli investitori e a migliorare la qualità delle loro scelte.
La maggior parte degli intervistati (più dell’80% dei non investitori e il 50% degli investitori), tuttavia, non è in grado di identificare nella consulenza il servizio che (insieme alla gestione di portafoglio) garantisce il più alto livello di tutela per effetto dell’obbligo della valutazione di adeguatezza (Figura 5) e ha difficoltà ad apprezzarne il valore aggiunto rispetto al fai-da-te o all’informal advice. 
 
 

 

Tali evidenze mettono in luce quanto sia indispensabile promuovere iniziative di educazione finanziaria che, affiancando gli strumenti di tutela tradizionali, quali la trasparenza informativa e le regole di condotta degli intermediari, contribuirebbero a supportare la formazione e il corretto impiego del risparmio attraverso l’innalzamento delle competenze degli individui.
 
 
Seguici anche su:
Cerca:
 
ProfessioneFinanza testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale della Spezia al n. 03/2009 il 12/06/2009 Proprietario: PFHOLDING Srl Editore: PFHOLDING Srl Direttore Responsabile: Francesco Pelosi Copyright © 2009, Tutti i diritti riservati - Ogni contenuto è riproducibile riportando la fonte, www.professionefinanza.com PFHOLDING Srl - P.I. 01096460116 | Cookie Policy
finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi Sun-Times S.r.l.porno