Categorie
Mondo consulenti

Consulenti, trend preoccupante:
invecchiati e diminuiti nel 2018

I dati sono stati pubblicati nella relazione annuale dell’Ocf

“Il numero complessivo di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede è pari a 55.335, pari allo 0,9% in meno rispetto al 2017″. La flessione emerge dalla relazione annuale presentata a Roma dall’Ocf. Un trend preoccupante che si aggiunge al costante invecchiamento degli iscritti e che mette a rischio la sopravvivenza della categoria.

“Con riferimento ai dati dell’albo, i risultati del 2018 presentano elementi di discontinuità rispetto ai trend del 2017. Il numero dei consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede iscritti all’albo alla fine dell’anno è in lieve diminuzione, dopo l’andamento positivo registrato nei precedenti quattro anni – si legge nella relazione – A tale riduzione si accompagna un calo significativo delle domande di iscrizione alle prove valutative da parte degli aspiranti consulenti finanziari. Si conferma la prevalenza di attivazione di nuovi mandati in favore di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede dipendenti, sebbene in rallentamento. Si consolida altresì la presenza crescente del genere femminile”.

Per quanto riguarda le caratteristiche della popolazione degli iscritti, permane il tendenziale invecchiamento della popolazione, non compensato dall’ingresso di giovani consulenti finanziari, con un aumento progressivo dell’età media. Rispetto ai giovani under 30, la percentuale di iscritti nella fascia indicata è nell’ultimo quinquennio stabilmente sotto il 2%. Al contrario, aumentano i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede over 50, che costituiscono circa il 57% di tutta la popolazione. Tale aspetto è da sempre oggetto di attenzione da parte di OCF. Con particolare riferimento alla componente giovanile, l’Organismo ritiene che sia importante un’azione di educazione finanziaria mirata a far comprendere a tutti gli attori di domani la necessità di operare scelte consapevoli volte a garantire il proprio futuro attraverso una pianificazione finanziaria e, allo stesso tempo, stimolare l’interesse dei giovani alla professione di consulente finanziario53.

L’ultima chiosa su una piccola nota positiva, in ottica Esg: “Si consolida la presenza crescente del genere femminile. Si evidenzia che le donne (11.822) rappresentano il 21,4%, in leggero aumento rispetto al 2017 (11.736)”. Un segnale che lascia ben sperare, per una categoria che deve cercare inevitabilmente la strada del rilancio.