Categorie
Economia e Dintorni Investimenti e mercati

Pir alternativi, così si
rialza l’economia reale

La nuova proposta 

I Pir alternativi come prima “arma” del risparmio gestito per rilanciare l’economia reale del Bel Paese. Questa la proposta di Assogestioni, che vorrebbe appunto creare dei prodotti alternativi che si affianchino agli attuali piani individuali di risparmio, ma con soglie di investimento più elevate e differenti vincoli di investimento.

I dettagli sul prodotto

“Rispetto ai Pir ordinari – si legge nella nota – i Pir alternativi sono rivolti soprattutto alla clientela più patrimonializzata. Trattandosi di investimenti illiquidi, che richiedono tempi lunghi di investimento e che si caratterizzano per un alto livello di rischiosità, l’introduzione di incentivi fiscali a favore dei Pir Alternativi potrebbe infatti incoraggiare l’afflusso di risorse da parte della clientela più “evoluta”, che può beneficiare di una soglia di investibilità molto più elevata in strumenti più rischiosi e complessi, nonché di una maggiore capacità di detenzione dei titoli nel lungo e lunghissimo termine”.

L’aiuto al Paese

Dunque si tratterebbe di una sorta di Pir formato private. Un prodotto illiquido che potrebbe aiutare la ripartenza dell’economia reale italiana. Un’altra iniziativa lodevole e utile, tra le tante, a dare nuova linfa al Paese per fronteggiare i duri effetti economici dell’emergenza Coronavirus.